Arte Eventi & Iniziative

Double Fantasy – Milica Ćirović / Ola Czuba

Double Fantasy è una mostra bipersonale delle artiste Milica Ćirović (Belgrado, 1984) e Ola Czuba (Lodz, 1984), visitabile fino al 7 marzo 2021 presso lo spazio espositivo Casa Vuota, in zona Quadraro a Roma. L’incrocio dei due corpus di ricerca delle artiste dà vita ad un progetto unitario dove immagini e visioni stranianti si affastellano, attivando una riflessione corale su tematiche identitarie, femministe e di genere. Il contesto ospitante è quello di un appartamento vuoto, che le artiste interpretano attraverso l’appropriazione dei suoi oggetti tradizionali (televisori, poster, letti ecc.), dirottandoli verso inaspettate prospettive critiche.
22 Gennaio 2021/da Gaia Bobò
(E)Lezioni Americane Speakers' Corner

Americana II. 6 gennaio 2021: insurrezione, colpo di Stato o cosa?

È appena terminato l'Inauguration Day della Presidenza Biden e un empito di emozione ha invaso il petto della stampa borghese, dalle Alpi alle Piramidi dal Manzanarre all'Hudson. Quel che si spera è che sia la volta buona per risistemare il volto, invero sfigurato, della vecchia signora “democrazia americana”.
Giorgio Cesarale si interroga sul futuro della democrazia americana a partire dagli avvenimenti del 6 gennaio. Uno sguardo critico fuori dal coro degli osservatori dei grandi media occidentali.
21 Gennaio 2021/da Giorgio Cesarale
Téchnologie et pensée critique constructive Tecnologia e pensiero critico costruttivo

Nouvelles disruptions privacitaires

18 Gennaio 2021/da Lucas Bogaert-Rossi
Pensiero lib(e)ro

Massimo Piermarini, “L’eone della violenza. La potenza e la geometria dell’azione in Ernst Jünger” (Aracne, 2020)

18 Gennaio 2021/da Redazione
Esercitare il pensiero

La morte di Ivan Il’ič

La morte prende senso dalle vita (fino ai suoi ultimi istanti) ed è essa stessa vita: la (buona) idea della morte è un “passaggio obbligato al sapere, alla salute e alla vita”. Lo dice Th. Mann, nella conferenza sulla Montagna incantata che nel 1939 tenne agli studenti dell’università di Princeton; e sarebbe istruttivo un confronto tra questo grande libro (i medici, la malattia, la morte) e il racconto di Tolstoi, un autore che Mann tanto amava e ammirava.
8 Gennaio 2021/da Mario Reale
Pagine lukàcsiane Senza categoria

LUKÁCS SU HÖLDERLIN E IL TERMIDORO

di Michael Löwy (traduzione di Antonino Infranca)
Dopo l’inizio degli anni Trenta, Lukács aveva compreso, con grande lucidità, che il romanticismo non era una semplice scuola letteraria ma una protesta culturale contro la civiltà capitalista, in nome dei valori – religiosi, etici, culturali – del passato. Era, allo stesso tempo, convinto che, per i riferimenti al passato, si trattasse di un fenomeno essenzialmente reazionario.
Il termine “anticapitalismo romantico” appare per la prima volta in un articolo di Lukács su Dostoevskij, dove lo scrittore russo è condannato come “reazionario”. Secondo questo articolo, pubblicato a Mosca, l’influenza di Dostoevskij risulta dalla sua capacità di trasformare i problemi dell’opposizione romantica al capitalismo in problemi “spirituali”; a partire da questa «opposizione intellettuale piccolo-borghese anticapitalista romantica (…) si apre una larga strada verso la destra, verso la reazione, oggi verso il fascismo e, al contrario, un sentiero stretto e difficile verso la sinistra, verso la rivoluzione»
3 Gennaio 2021/da Redazione
Carica di più

Archivio Video

  • VIDEO – “Il Timeo” di Platone
    I Parte II Parte
  • VIDEO – Roberto Finelli, “Per un nuovo materialismo”VIDEO – Roberto Finelli, “Per un nuovo materialismo”
    Nel video Finelli presenta il libro che chiude una trilogia i cui momenti precedenti sono dati da Un parricidio mancato (2004), dedicato a un’analisi critica eterodossa del rapporto del giovane Marx con i suoi numi tutelari Hegel e Feuerbach, e Un parricidio compiuto (2014), che trattava della relazione ormai risolta del Marx maturo con Hegel. Nei capitoli-saggi che compongono il nuovo volume, l’autore, ampliando il discorso attraverso una lettura attenta di Freud, una ripresa di Spinoza, e con un confronto con la stessa tradizione postidealistica e anti-heideggeriana del pensiero italiano
  • VIDEO – Eros e Thanatos, il centro del pensiero di Freud
    A partire dal saggio “Al di la del principio di piacere” (1920) fino al più famoso “Il disagio della civiltà” (1929), il pensiero di Freud incontra il decennio della sua più scatenata creatività teorica. È in questo contesto, fedele alla precedente impostazione teorico-scientifica della psicoanalisi, ma aperto alla speculazione filosofica, che Freud sviluppa l’idea di un […]
  • VIDEO – G. W. F. Hegel La fenomenologia dello spirito
    Parte I Parte II
  • VIDEO – “La Metafisica” di Aristotele