IL CORANO NELL’EPICA LAICA DELLE FONTI DEL DIRITTO

Ben oltre i riti di addestramento in ciò che resta dell'Islamic State e le complicate strategie di pubblica sicurezza che pretendono di assicurare l'ordine alle nostre latitudini, il fondamentalismo si nutre, molto più crudelmente e molto più banalmente, della negazione di ogni filtro critico nel rapporto tra fede individuale e imposizioni altrui di matrice religiosa.
Spogliato dalle contrapposizioni che sembra suggerirci l'attualità internazionale, il Corano ritorna all'opposto alla sua essenza di scrittura sacra e cogente che non è affatto muta per gli osservatori laici.
Sarebbe forse superficiale negare la rincorsa all'interpretazione letterale che anima le tendenze più restrittive nel diritto islamico. È certamente criminale che una sola uniforme (di sopraffazione, eteronomia e propaganda) possa di colpo vestire tutte le sensibilità che albergano in una cultura composita, dinamica e coinvolta quanto la nostra nella rapida mutazione delle strutture sociali, politiche, strategiche, economiche. La lotta per l'interpretazione del Corano precede di gran lunga i conflitti volti a instaurare la sua imposizione.
9 dicembre 2017/da Domenico Bilotti

Mondo Cane

Se al modello linguistico si sostituisce, in modo prevalente e direi abitudinario, quello visivo, si avrà una sorta di riformattazione del cervello, il quale, come quello di qualsiasi altro muscolo, modifica lo sviluppo delle sue parti, rafforzando quelle più impegnate e riducendo le potenzialità di quelle meno impegnate.

Se i modelli comunicativi sono quelli che, da sempre, mettono in forma un ambiente sociale, allora occorre chiedersi in che misura l’attuale modello comunicativo operi in base a due fattori: la sua struttura strumentale e il suo destinatario.

La struttura strumentale è quella propria di una tecnologia informatico-digitale, il cui fine è l’immediatezza degli effetti comunicativi. E’ una tecnologia il cui obiettivo è realizzare effetti in tempo reale; dove, per “tempo reale” intendo una tecnologia il sui successo sociale si fonda sulla capacità di inviare messaggi in modo da realizzare, proprio, reazioni immediate. Quasi che il fine ed il successo della comunicazione consista nell’immediatezza della reazione del destinatario, sia sotto forma di parola che di decisioni o più genericamente comportamenti.
27 novembre 2017/da Bruno Montanari

F. Postorino, Croce e l’ansia di un’altra città

Mimesis. 2017

Luigi Somma

Il presente volume Croce e l’ansia…
18 novembre 2017/da Luigi Somma

Diversamente uguali. Noi, gli altri, il Mondo: una considerazione preliminare

Questo è un saggio introduttivo, già pubblicata come prefazione al libro di Alessandro Bertirotti pubblicato per le edizioni Paoline. Questo testo è scritto da Edda Bresciani, professore Emeritus di Egittologia Università di Pisa Accademia dei Lincei. Un saggio breve pensato per avvicinarsi ad un testo innovativo e pieno di spunti davvero interessanti dell'antropologo della mente.
12 novembre 2017/da Redazione

Solidarietà e mutualismo oltre l’Europa dei mercati

Giacomo Pisani affronta la critica all'Europa dei mercati affermando l'importanza della solidarietà e della cooperazione come principi fondamentali per un nuovo processo costituente.
4 novembre 2017/da Giacomo Pisani

Sulla sinistra “senza compagni e senza storia”: da Ezio Mauro a quel che sta accadendo a sinistra del PD

La sinistra deve farsi carico dei problemi di quel pezzo di società che è trascinata nella precarietà e deve farsene carico mostrando che il superamento di questa cifra della contemporaneità salvaguarda il futuro di tutti: dunque, pensando una politica, che muova dal disagio della società e dalle sue ragioni strutturali, che indichi come rispondervi già oggi seppur con il necessario gradualismo e che si interroghi sull’Europa sapendo che fuori non c’è il ripristino delle sovranità nazionali ma solo il dominio delle potenze globali.
29 ottobre 2017/da Mario Barcellona