RIPENSARE LA COMUNITÀ.

Dibattiti dopo le Conferenze al MACRO

Spazio, città, ambiente, politica, corpo e nuove tecnologie sono state alcune delle questioni che sono emerse all’interno di “RIPENSARE LA COMUNITÀ” . Il progetto di Filosofia in Movimento in collaborazione con Castelvecchi editore MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma, ha posto tutta una serie di temi e riflessioni da parte degli intellettuali che sono stati invitati e che ora verranno discussi e analizzati dagli studiosi di Filosofia in Movimento e ripubblicati da Castelvecchi editore.

1° dibattito: 

Che cosa significa o dovrebbe significare “socialismo” ai giorni nostri?

A partire dalla relazione di Nancy Fraser in un dialogo con Giorgio Fazio presso il MACRO di Roma “Che significa il socialismo nel XXI secolo?” (01/10/2019) e in una conferenza all’Università di Roma La Sapienza, l’editore Castelvecchi ha pubblicato un testo da cui parte adesso un dibattito con gli studiosi di Filosofia in Movimento.

Qui trovate il libro di Nancy Fraser: http://www.castelvecchieditore.com/prodotto/cosa-vuol-dire-socialismo-nel-xxi-secolo/

Qui trovate il video della Conferenza al MACRO: https://www.youtube.com/watch?v=rWgQ33oPkuI

Il dialogo parte dal libro di Nancy Fraser, di cui pubblichiamo un estratto curato da Giorgio Fazio: http://filosofiainmovimento.it/nancy-fraser-cosa-vuol-dire-socialismo-nel-xxi-secolo/

Articoli correlati

Vandana Shiva, "Semi di libertà" (Castelvecchi, 2019)

/
di Giulia Ceci Edito da Castelvecchi nella collana Irruzioni, Semi di libertà è un libro tanto piccolo quanto grande, esattamente come il seme che ne è motivo portante, insieme simbolo e tema concreto di queste pagine. «Il seme è piccolo», si legge per l’appunto nella quarta di copertina, eppure in esso «le questioni ecologiche si intrecciano con quelle sociali». L’autrice Vandana Shiva, scienziata ecofemminista a capo di un programma internazionale per la tutela delle diverse culture ‒ chiamato “Navdanya”, ossia “nove semi” ‒, ha infatti compreso perfettamente cosa renda così importante questa realtà minuscola, non a caso sacra nelle civiltà del passato: il seme «contiene diversità», perciò «libertà». È dunque proprio la libertà ‒ o gratuità ‒ del seme a costituire una minaccia per le multinazionali dell’«agro-business» in piena globalizzazione. Tale libertà ha un duplice senso; ecologico da un lato, in quanto il seme si riproduce spontaneamente, economico dall’altro, giacché riproduce il sostentamento dell’agricoltore.

FEMMINISMI A CONFRONTO. Note a margine a "Siamo tutti diversi!" di Teresa Forcades

/
di Miriam Borgia   Una donna islamica che coscientemente…