“Ricercare” l’Europa

Pensare un oggetto impone sempre una sua costruzione e una sua…
30 maggio 2017/da Massimo Pendenza

Heidegger interprete di Hölderlin

 La contemporaneità di un poeta non è nel contenuto, ma talvolta…
6 aprile 2017/da Francesca Brencio

Quale «Illuminismo»? Ragione, diritto d’esistenza e movimenti sociali

Il dibattito sollevato sulle pagine del quotidiano italiano «La…
14 dicembre 2016/da Paolo Quintili

Senso comune e fine dell’Utopia

La caduta del muro di Berlino è stato l’evento che ha aperto l’orizzonte per l’ultima grande Utopia moderna; quella di un “mondo nuovo”, in cui i valori liberali dell’ “occidente” si sarebbero uniti ai valori “solidaristici” del socialismo. U-topia, appunto! Le politiche liberali si sono consegnate, in realtà, ad apparati tecnocratici ed al “mercatismo liberista”, di fatto auto-annientandosi e svuotando i partiti politici del peso rappresentativo che avevano ricoperto nei decenni precedenti. Gli individui del XXI secolo hanno presto svestito i panni di cittadini, sviluppando una propria filosofia, o, meglio, un proprio “senso comune”, fondato sulle categorie dell’“oggi” e dell’“orto”, minando alla base la categoria del “politico” come luogo progettuale, che aveva caratterizzato la “modernità” e, in particolare, l’800 e “89” anni del ‘900.
25 novembre 2016/da Bruno Montanari

La religione della libertà. Riflessioni su Carlo Azeglio Ciampi

Il saggio analizza alcuni tratti del pensiero e dell’azione di Carlo Azeglio Ciampi, recentemente scomparso. E lo fa rileggendo alcuni passaggi della sua tesi di laurea sulla libertà di religione. Attento osservatore, e partecipe impegnato, della nuova Italia dopo la tragedia della guerra e del fascismo, egli è stato un protagonista di prima grandezza della costruzione di una politica aperta e pluralista, funzionale alla (ancora attesa!) affermazione oggettiva di una laicità moderna.
17 settembre 2016/da Gianfranco Macrì

Punti di sintesi per un ragionamento.

Tra lo spazio-tempo del vivere quotidiano e quello che innerva la progettualità del “politico” esiste uno scarto strutturale. Il primo, infatti, è costituito dall’esperienza di vita dell’individuo e dal suo mondo; il secondo va al di là della contingenza e, quindi, della quotidianità. Tale scarto può essere colmato dall’esistenza di fattori di omogeneità dell’esistenza quotidiana, oppure dalla presenza di soggetti politici in grado di mediare fra le aspettative individuali e ambientali e la progettualità socio-politica, grazie alle capacità di un ceto politico adeguato.
Oggi entrambi i due fattori sono venuti meno. Ciò che resta dello Stato è l’autoreferenzialità della macchina burocratico-amministrativa che si traduce in un “centralismo burocratico”. Di fronte alla conseguente affermazione dell’economia finanziaria, una proposta fondamentale è quella di riaffermare l’importanza del partito politico novecentesco che, sfuggendo all’appiattimento sulla contingenza, possa raccontare e raccontarci un futuro
17 settembre 2016/da Bruno Montanari