Come si Configura oggi il Potere?

Dal modello piramidale a quello reticolare, il Potere ha cambiato la sua forma, modificando, nella sostanza, tanto gli “apparati” moderni del potere istituzionale quanto i soggetti coinvolti. Viene meno la categoria giuridico-politica di “soggetto legittimo” all’interno di ordinamenti costituiti; con la “rete” si è davanti ad una nuova configurazione del potere: non più agire di “soggetti” ma sviluppo di intersezioni (“nodi”) tra forze effettive capaci di negoziare equilibri. La rete include ed esclude: l’essere fuori dalla rete consente un plus di libertà, che però coincide con una sorta di anonimato sociale e, quindi, a scapito di interessi (non solo economici), che, invece, solo coloro che dimorano “nella” rete possono di fatto coltivare. In questo contesto, la governance della complessità prende il posto dell’ordinamento giuridico, segnando una cesura epocale verso un mondo ove non operano, perché non sono comprensibili, le categorie “razionali” sulle quali si è costruita la modernità, inclusa financo quella che è stata denominata “post-modernità”.
3 dicembre 2014/da Bruno Montanari

VIDEO – J. Habermas, “Fatti e norme”

https://youtu.be/W4WBHVlM8w8
25 ottobre 2014/da Stefano Petrucciani

Ripensare la politica e i diritti sociali

di
Giacomo Pisani

Sul terreno del welfare si giocano le partite…
23 ottobre 2014/da Giacomo Pisani

L’Introduzione alla Dottrina della scienza 1813: la formazione al senso per la filosofia

1. Nel suo concreto svolgimento la fichtiana Dottrina della scienza…
17 ottobre 2014/da Marco Ivaldo

Doveri e fedeltà nell’Italia di oggi: miraggi, farse e prospettive

 di
Domenico Bilotti
Recensione al libro di Alessandro Morelli,…
16 ottobre 2014/da Domenico Bilotti

VIDEO – Fichte, Lezioni sulla dottrina della scienza, 1813

20 settembre 2014/da Marco Ivaldo
Carica di più

Archivio Video