Lessico Mediterraneo

Nasce LIME- Laboratorio interculturale Mediterraneo EST

LIME nasce con l’obiettivo di svolgere attività di ricerca interdisciplinare avendo come focus di riferimento il mediterraneo. LIME è un’associazione che ha sede in Calabria e questa scelta determina anche il punto di osservazione dei fatti che si deciderà di mettere sotto osservazione. Tra questi, in particolare, i diritti, le culture, la società, l’ambiente, l’economia. Attraverso questi “tramiti”, LIME perseguirà obiettivi finalizzati a rafforzare i valori della libertà, dell’uguaglianza, della fratellanza tra i popoli.
1 Maggio 2022/da Gianfranco Macrì
Osservatorio filosofico

Convegno a Venezia: sul confronto fra Gramscismo e Scuola di Francoforte

A Venezia nel pomeriggio di giovedì 19 maggio, nella giornata di venerdì 20 maggio e nella mattinata di sabato 21 maggio 2022, nella Sala Giovanni Morelli del Palazzo Malcanton Marcorà, si svolgerà il convegno internazionale Critica e prassi. Gramscismo e Scuola di Francoforte a confronto, organizzato dal Centro di Teoria critica e politica dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.
29 Aprile 2022/da Redazione
Pensiero lib(e)ro

Elogio della terra- di Byung-Chul Han

Una recensione di Carlo Crosato al nuovo libro di Byung-chul-han: Elogio della Terra
20 Marzo 2022/da Carlo Crosato
Osservatorio filosofico

IL CORPO ETERNO. I sensi umani come laboratorio di potere, tra crisi ecologica e transumanesimo

11 Febbraio 2022/da Redazione
Speakers' Corner

Appello di 34 intellettuali per un nuovo corso culturale

La vicenda che vede Berlusconi candidato, finora unico, a prossimo Presidente della Repubblica in Italia fa temere che ragione e sensibilità siano sul punto di estinguersi.
25 Gennaio 2022/da Redazione
Speakers' Corner

La libertà, la morte, lo Stato. Filosofie e ideologie della questione pandemica

L'assenza, o quantomeno la carenza, in Occidente, di una sinistra sociale e autenticamente internazionalista, in grado di stimolare processi di emancipazione e indirizzare la rabbia dei ceti subalterni verso rivendicazioni di carattere universalistico, anziché verso particolarismi, corporativismi e arroccamenti identitari, ha fatto registrare, sul piano del dibattito, una complessiva scarsità di quegli strumenti analitici legati alla sua tradizione culturale. In luogo del materialismo storico e della dialettica, propensi a vagliare le connessioni esistenti fra interessi e pratiche discorsive, ma anche ad analizzare i rapporti di forza economici e politici su scala planetaria, nonché i diversi conflitti di potere, si è affermata allora una tendenza deteriore e più accessibile a quell'“analfabetismo di ritorno” già denunciato a suo tempo da Tullio De Mauro (e che comporta naturalmente anche un preoccupante analfabetismo politico): il complottismo storico.
19 Dicembre 2021/da Redazione
Carica di più

In evidenza

Al di là dei confini.

Ripensare il paradigma della frontiera in una prospettiva interculturale

Call for papers di OCSM

Scadenza: 15 aprile 2021


Les mises en scène de la philosophie.

Le modèle des Lumières, jusqu’à nos jours

Call for papers Revue «Arts et Savoirs»

Scadenza: 28 febbraio 2022