Esercitare il pensiero

(un progetto per la scuola)

di Antonio Coratti

Filosofia in movimento entra nelle scuole con il Progetto “Esercitare il pensiero”, dedicato espressamente agli studenti dei licei di tutta Italia. Il progetto prevede un ciclo di incontri con i nostri autori (professori, ricercatori, saggisti) che proietti i giovani nel dibattito filosofico dei nostri giorni, cercando di infondere un “approccio critico” ai problemi che consenta loro di affrontare adeguatamente le sfide della complessità contemporanea. I temi e gli argomenti oggetto degli incontri con gli studenti, infatti, saranno gli stessi che la nostra associazione ospita e alimenta costantemente sia nel proprio sito internet, sia sulle riviste partner, sia durante le conferenze organizzate nelle Università.

Gli obiettivi principali del progetto:

  • Coinvolgere i ragazzi nel discorso filosofico attuale, mettendo in movimento il loro spirito critico
  • Fornire strumenti interpretativi utili per orientarsi nella complessità del mondo attuale
  • Instaurare un primo contatto con il mondo accademico e della ricerca universitaria
  • Favorire l’instaurazione di un dialogo aperto e continuo con i nostri autori attraverso il sito dell’Associazione, e la nostra pagina Facebook.

Le conferenze dell’a.s. 2016-2017 sono state:

  • Professor Bruno Montanari: “Europa e sovranità nazionale”
  • Professor Gianfranco Macrì: “Laicità e diritti civili”
  • Dottor Antonio Coratti: “L’Islam nel ‘900: dal 1914 al 1948”

A partire dall’a.s. 2017-2018 il progetto sarà strutturato in modo più organico, prevedendo un ciclo di incontri con i nostri autori (professori, ricercatori, saggisti) che non si esaurirà, tuttavia, al momento delle conferenze. L’obiettivo, infatti, è quello di instaurare un dialogo continuativo con i ragazzi, cercando di far emergere nei giovani un approccio critico ai problemi che consenta loro di affrontare le sfide della contemporaneità.

I temi e gli argomenti oggetto degli incontri con gli studenti, infatti, saranno gli stessi che emergono all’interno del dibattito filosofico che la nostra associazione ospita e alimenta costantemente sia sul proprio sito, www.filosofiainmovimento.it, sia sulle riviste partner, sia in incontri e conferenze nelle Università di tutta Italia.

In particolare, per l’a.s. 2017-2018, Filosofia in movimento, in collaborazione con le Università di Roma “La Sapienza” e “Tor Vergata”, con l’Università di Urbino e con le riviste partner (Eastwest, MicroMega) organizzerà due convegni (Roma e Catania) facenti capo a un unico grande progetto culturale: “Lumi sul Mediterraneo”.

  • Il primo, diretto dal Professor Giovanni Macrì (Università di Salerno) e dal Professor Bruno Montanari (Università Cattolica di Milano), dal titolo Diritto, religione e politica nell’arena internazionale, tratta la questione del difficile equilibrio in Europa della tutela del principio di “libertà religiosa” e della sfida globale dell’immigrazione di masse di uomini con diverse percezioni della fede, della religione e della società in generale.
  • Il secondo, diretto dal Prof. Paolo Quintili (Università di Tor Vergata), con la partecipazione di Professori provenienti, tra l’altro, da Università maghrebine, si intitola La comunità dell’incontro e sviluppa un dialogo sul concetto di “laicità” e sul principio di “libertà di espressione” nei paesi mediterranei.

Inoltre, nel 2017, Filosofia in movimento ha promosso il progetto Dialoghi Europei, diretto dal Dottor Antonio Coratti, con la partecipazione di Docenti, Dottorandi e Ricercatori, che ha sviluppato tesi su diversi aspetti dell’organizzazione dell’Unione Europea, al fine di creare una maggiore consapevolezza rispetto ai valori che ne sono alla base.

La redazione di Filosofia in movimento, con la supervisione dei relatori delle conferenze, selezionerà, a partire dai testi e dagli articoli presentati nei cicli seminariali, estratti che confluiranno in pubblicazioni su cui gli studenti del progetto-licei lavoreranno prima di incontrare i Professori. La previa messa a disposizione degli elaborati è importante per permettere agli insegnanti coordinatori del progetto di sviluppare percorsi didattici e promuovere momenti di riflessione, volti a preparare gli studenti agli incontri. Inoltre, le conferenze stesse verranno video-registrate, andando a costituire un docu-evento che resterà a disposizione della scuola, un materiale didattico utile anche per gli studenti degli anni a venire.