VIDEO – Bergson e la “visione panoramica dei morenti”

La mente, nella cultura filosofico-scientifica occidentale, è stata per lungo tempo rappresentata come un sistema di specchi installati di fronte a una realtà in progressione dinamica. Come potrebbe uno specchio – costitutivamente estraneo alla realtà che fronteggia – riflettere di questa non solo immagini superficiali, ma anche configurazioni in grado di riprodurre fedelmente i processi interni, non visibili, della sua formazione? Guardando con coraggio nei fondali oceanici del moi profond, Bergson inaugura un originale percorso di riscoperta dell’assoluto nel limite spazio-temporale del moi social, attraverso un nuovo modo di vivere il tempo (mediante il concetto di durata) e il rapporto mente/corpo. Agli occhi di Bergson lettore della Revue philosophique di Ribot il fenomeno cognitivo anomalo della vision panoramique des mourants – discusso sulla Rivista dallo psicologo francese Victor Egger – acquista così la funzione di ricordare al soggetto morale che le proprie azioni devono essere prese sul serio, perché tutto ciò che ciascun moi è stato e che sarà si conserva fatalmente nel ricordo (secondo Bergson, infatti, percepire è un’occasione per ricordare…) fino all’ultimo istante di vita in cui la natura ha decretato la nostra fine.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.